Accesso utente

Login / Registrati

Menu

La storia di Chiroterapia Bergamo Studio Chiropratico

Studio Chiropratico, un immediato sollievo per la schiena

Servizi

Presso lo Studio Chiropratico a Bergamo è possibile accedere a una vasta gamma di trattamenti antalgici, che hanno cioè come scopo far scomparire o diminuire sensibilmente il dolore del paziente. La terapia del dolore è infatti ormai una branca della scienza medica molto avanzata, e con i trattamenti dello studio (come trattamenti al fieno, impacchi con gel freddo e bendaggi, antara o idro elettroforesi, senza dimenticare la classica terapia manuale dei trattamenti chiropratici) è possibile avere un immediato sollievo.

I trattamenti al fieno e gli impacchi con gel freddo e bendaggi, abbinati ai prodotti ricchi di estratti e a particolari massaggi perfetti proprio per questa casistica, consentono di intervenire in vari settori di sofferenza del paziente, come la stanchezza, sia fisica che mentale, le tensioni e le rigidità muscolari, i dolori di varia natura, i ristagni linfatici, il gonfiore degli arti inferiori. 

Tra i trattamenti antalgici va poi menzionata sicuramente l’antara o idro elettroforesi, tecnica in grado di far penetrare all’interno dei tessuti del paziente dei principi attivi in soluzione acquosa per farli arrivare fino al sito d’azione. Grazie a questo tipo di trattamenti si può portare quindi sollievo sia ai dolori muscolari che quelli ossei e nervosi. Non solo: i benefici possono riguardare anche altri campi rispetto a quello della terapia del dolore e i normali settori d’intervento della chiropratica, come il campo estetico, per migliorare stati di cellulite, adiposità localizzate e, ancora, trattamento antirughe e antiage.

L’idroelettroforesi è infatti una speciale tecnica che non è invasiva ed è indolore, ed è un modo assai innovativo per veicolare principi attivi all’interno dell’organismo, a differenza di altre tecniche come la mesoterapia che invece possono avere sensibili controindicazioni. È possibile personalizzare i farmaci non soltanto in base a quella che è l’indicazione di utilizzo, ma proprio anche seguendo da vicino l’identità del cliente, le sue necessità e le sue esigenze, fino a dare vita a un percorso personalizzato di grande efficacia. 

L’idroelettroforesi sfrutta, nella pratica, l’azione di un rullo che scorre sulla pelle, e pertanto può portare benefici anche in caso di cellulite, di fastidiose macchie cutanee, o ancora per le rughe, per il rilassamento cutaneo, il rassodamento del corpo, e appunto il sollievo in chiave antalgica di dolori sia acuti che cronici. L’idroelettroforesi ad esempio è consigliata dopo un intervento di chirurgia estetica proprio per la sua capacità di lenire i gonfiori, oltre a intervenire su contratture post-operatorie e lividi

Da non sottovalutare poi anche le tecniche come la laseterapia, che si basa sull’uso a scopo terapeutico degli effetti prodotti dall’energia elettromagnetica generata da due sorgenti di luce laser. Il flusso laser, infatti, penetra nei tessuti e provoca delle reazioni biochimiche sulla membrana cellulare e all’interno dei mitocondri, inducendo così effetti diversi come la vasodilatazione (che fa aumentare il calore locale, le richieste metaboliche cellulari, la stimolazione neuro-vegetativa, anche con modifica della pressione idrostatica intracapillare) e l’aumento del drenaggio linfatico (accelerando il processo di trasformazione dell’ADP in ATP nonché il ricambio elettrolitico negli ambienti intra ed extra cellulari). Anche la laserterapia può essere adoperata in chiave antalgica perché l’aumento della soglia della percezione delle terminazione nervose algotrope, insieme alla liberazione di endorfine, ha un’immediata azione analgescia. In più non va dimenticato l’effetto antiflogistico, antiedema, eutrofico e stimolante, dato dall'aumento del flusso ematico dovuto alla vasodilatazione capillare ed arteriolare. Grazie alla modifica della pressione idrostatica si ha poi l’aumento dell’assorbimento dei liquidi interstiziali, con la conseguente riduzione degli edemi. La laserterapia può essere pertanto usata in una varietà di casi, da atralgie reumatiche e degenerativa a casi di traumatologia come distorsioni, tendiniti, tenosinovisiti, stiramenti, borsiti, strappi, fenomeni artrosici, senza dimenticare le patologie da sovraccarico, i postumi di un trauma ma anche la riabilitazione motoria post intervento chirurgico o post rimozione di gessature e fasciature. 

È importante che ci sia sempre un qualificato professionista a consigliare il paziente su quale terapia adottare in chiave antalgica, in base alla sua anamnesi e alle particolari necessità ed esigenze. Il Dott. William Joseph O’Connell, forte della sua esperienza, garantisce anche in questo caso nello Studio la massima serietà, professionalità, cura e attenzione del cliente.